Quando la natura diventa arte 2016

This slideshow requires JavaScript.

When Nature becomes Art 2016 – Images 

Bellissimi, Dolcedo, Imperia, Italy

A great success of the public, even this year, for the 10th edition of When Nature Becomes Art which was held on Sunday 4th September 2016 on the occasion of the fest celebrating the Madonna della Misericordia. 25 artists both Italian and International, residents and holiday makers alike, participated. Extremely welcome was the presence of a German family from Heidelberg, participating with 3 artworks . 29 artistic creations found their natural setting in a lovely Ligurian terraced garden of the village. (photos by Maya Rose) 

***

Come gli anni scorsi grande successo di pubblico alla decima edizione della rassegna artistica Quando la Natura diventa Arte che si è tenuta la domenica 4 settembre 2016 in occasione della festa della Madonna della Misericordia . Hanno partecipato 25 artisti italiani e stranieri residenti oppure in vacanza nell’imperiese . Gradita è stata la presenza di una famiglia tedesca di Heidelberg in vacanza a Bellissimi che han partecipato con 3 opere realizzate da madre e due figli. In tutto 29 opere hanno trovato la loro collocazione naturale in un meraviglioso giardino terrazzato ligure del borgo. (foto di Maya Rose)

Exhibition curated by Guido Gulino.

http://www.amicidibellissimi.org/

Fine Stagione

This slideshow requires JavaScript.

E’ giunto il termine della stagione estiva, o per lo meno e’ giunta la  mia partenza. La gelateria Sharbe’ invece chiudera’ il 15 Settembre. Queste sono le ultime immagini di chiusura dei miei sacchetti. Si spengono le luci ma ci rivediamo l’estate prossima stesso mare stessa gelateria!

Ciao!

SHARBE’:ICE CREAMS TOO HAVE WINGS!

flyer Gelato english final-page-001 Dear Friends and colleagues,

It’s summertime: time for ice creams! ….And I have been collaboration with Sharbe’, my “local” ice cream parlour — a very special place in Imperia – Italy — where Gaetanina and Enrico keep an old tradition alive using top quality ingredients and ethic responsibility for their artisanal production. Together we have been working on a small project that conceptually joins the crafts of Art & Gelato. If you like to know more or please see the attached documents.

It’s been a wonderful and inspiring experience, not only because I get to eat a lots of freshly made delicious ice-cream for free!

If you ever come to Italy and pass by Imperia don’t miss an opportunity to savour the best gelato.

Thank you for your attention,

Ciao for now

STATEMENT

Art and Ice Cream: a collaboration.

Frozen clouds made of whipped cream, iced milk crystals, delicious snow that soothes the summer heat on our taste buds but also in our eyes. Clouds that reawakens cerebral, but mostly our sensorial perceptions. Art lives everywhere, not just in museums, in galleries or hung on a wall. For art it’s also found in an ice cream parlour and even inside an ice cream; we just have to search, create, recognize, observe, remember, feel, but mostly, we have to imagine.

Stories of artists, cooks, migrants, kings and queens, of people of different classes, places and times intertwine around the history of ice-cream. Predestined to modernity, ice cream originated in the ancient Arab world, perhaps in one of the enchanted fairy tales of Thousand and One Nights? From its primordial form of sorbet, iced cream evolved, sliding down from the snow-capped mountain of Etna into all European courts even the british one! From Sicily to Spain, from Florence to Paris, and before that from China to Veneto, and ultimately from Genoa to America. Despite its innate simplicity, ice cream’s DNA is made out of genes of articulated and disparate ethnicities, all protagonists of a fascinating history rich in combinations of facts and interpretations that traversed Middle Ages, Renaissance and Industrial Revolution to the present day, where ice cream arrived, fortunately for us, safe and sound. During this long and adventurous journey, from luxury-aristocratic-dessert, its status has transformed into a street delicacy for the people, no longer exclusive, but rather a common good for the mouths of all.

A metaphor for human story, its indefatigable particles have never ceased to recompose, tangle, overlap, connect. Ice cream is the material manifestation of an infinite cosmic interconnectedness in which gastric juices mix with the molecules of places and times, but also of social, political, economic and environmental history. Today, every time we taste an ice cream, we inevitably savour the blend of our destinies, we savour that synthesis of life that contains everything: poetry.

Like ingredients that turn into delicious sweets, ice cream transforms into a symbol. As a result of that alchemy, an ice cream parlour then becomes a place for art and an art gallery an ice cream parlour, where art moves beyond the restricted elitist art circles to be more accessible to all. This, entitles ice cream with a pedagogic responsibility that reflects on the utilitarian daily value of art, inviting to a better understanding of the impact that consumption and production of culture have on the environment and on the quality of our lives.

In fact you would have asked: what is the relation between ice cream and plastic bags? What does ice cream have to do with the environment, with pollution, with landfills, with recycling? With our habits, and rituals, with our waste, with our culture, with our social problems? What is the link between ice cream and our lifestyles that daily sculpt increasingly global spaces creating new aesthetic landscapes of meaning?  At this juncture, ice cream lends itself to a visual metaphor of an iceberg that disintegrates at the human touch — the victim of its very own artifices.

If you love ice cream, then, you’ll definitely be sensitive to art that invites you to dialogue. Then, you’ll also be interested in social themes, such as the environment. Then you’ll want to know history and origins of the ingredients you eat, and maybe you’ll want to interact with them, even if by just by eating an ice cream in a conscious manner, using all the “senses” to inspire them to find new interconnections and meanings.

From one palate to the other, ice cream has been adapting, or perhaps instead it had to fight for, with times and cultures, with various fashions and economies. It is our collective responsibility to continue to pass on healthy rituals that taste good, habits that get us accustom to make ethical choices in the name of environmental values that should be in harmony with the nature of our bodies and of the worlds that surround us.

This initiative is inspired, not only by the love of art and ice cream, by the desire for corporeal and cultural wellbeing, but also by wanting to create opportunities where arts mix harmoniously, portraying all its different flavours.

To conclude, ice cream is my favourite dessert, ever. But not the industrial one. Rather, and only, the artisanal ice cream that crafts nature to culture into humanity.

Situated on top of a waffle cone, ice cream sits like an abstract sculpture on its crisp plinth. Malleable, soft and creamy, sweet and fragrant, ice cream is a meeting point of flavours, colours and shapes that melt through needy and greedy—insatiable tasting buds. Chiselled by merciless tongue’s strokes, caresses — moulded to death by thousand ephemeral shapes, at the mercy of the alchemical slime, ice cream slips away into mysterious channels where metabolic magic turns it into lymph. Romantic, yet practical, there is no room from frills in an ice cream cone, there is no waste of plastic or paper, everything is eatable leaving nothing to throw away. Long live art ecology!

Bibliography:

http://www.gelateriarefrescos.com/index.php?option=com_content&view=article&id=104&Itemid=120&limitstart=4

flyer Gelato english final-page-001

ANCHE I GELATI HANNO LE ALI

flyer Gelato Italian final-page-001Cari amici e colleghi,

E’ estate, tempo di Gelati! La Gelateria Sharbe’ e’ la mia gelateria preferita – un posto molto speciale ad Imperia – dove da 28 anni Gaetanina ed Enrico mantengono in vita una antica tradizione, impiegando ingredienti di prima qualità e responsabilità etica per la loro produzione artigianale. Insieme abbiamo lavorato su un piccolo progetto che unisce concettualmente Arte & Gelato.

E’ stata una preziosa e stimolante esperienza, non solo perché mi capita di mangiare un sacco di fresco, delizioso gelato, gratis!

Se passate da Imperia non perdete l’occasione di gustare il miglior gelato con un pizzico d’arte.
Ciao e grazie

Arte e Gelato: una collaborazione.

L’arte del gelato e il gelato nell’arte, viva l’arte che vive, dappertutto, non solo in musei, in gallerie o appesa ad un muro. L’arte infatti si trova anche in una gelateria oppure dentro ad un gelato, basta cercare, osservare, creare, riconoscere, ricordare, sentire, ma sopratutto immaginare. Fredde nubi di panna montata, formazioni di latte e ghiaccio, dense nuvole cristallizzate che come neve rinfrescano papille e stomachi ma anche occhi golosi. Nubi che esaltano le nostre percezioni celebrali ma soprattutto quelle sensoriali.

Attorno al gelato si raccolgono e si intrecciano storie di artisti, cuochi, immigranti, re e regine, di gente di ceti, luoghi e tempi diversi.

Predestinato alla modernità, il gelato ha origine nell’antico mondo arabo, forse in una fiaba incantata di Mille ed Una Notte? Dalla sua forma di sorbetto primordiale si e’ poi evoluto, e dalle imbiancate vette dell’Etna e’ slittato in tutte le corti europee, anche quella britannica! Dalla Sicilia alla Spagna, da Firenze a Parigi, e prima ancora dalla Cina al Veneto, ed infine da Genova all’America. Nonostante la sua innata semplicità, il DNA del gelato e’ composto da geni di etnie articolate e disparate, tutte protagoniste di un’affascinante storia, ricca di combinazioni di fatti ed interpretazioni che attraversarono Medioevo, Rinascimento e Rivoluzione Industriale, sin ad arrivare ai giorni nostri in cui il gelato e’ giunto, per nostra fortuna, sano e salvo. Durante questo lungo ed avventuroso tragitto il suo stato di ambito e ricercato dessert di lusso aristocratico si trasformo’ in una prelibatezza di strada, non più esclusivo, ma bensì un bene comune per le bocche di tutti.

Metafora di storie umane, che come instancabili particelle non hanno mai smesso di comporsi, ingarbugliarsi, accavallarsi, connettersi, il gelato e’ la manifestazione materica di una interconnessione cosmica infinita che mescola i succhi gastrici alle molecole di luoghi e tempi, ma anche di storia sociale, politica, economica ed ambientale. Oggi, ogni volta che gustiamo un gelato, inevitabilmente assaporiamo anche il connubio dei destini, assaporiamo quella sintesi di vita che contiene il tutto: la poesia.

Come gli ingredienti che si trasformano in dolci prelibati, il gelato si trasmuta in simbolo, e di conseguenza una gelateria in un luogo d’arte, ed una galleria d’arte in una gelateria dove l’arte, fuori dai suoi circuiti elitari, diventa più’ accessibile a tutti. Così il gelato si assume anche una responsabilità pedagogica facendoci riflettere sul valore utilitario quotidiano dell’arte, e meglio capire l’impatto che consumo e produzione di cultura hanno sull’ambiente e sulla qualità’ delle nostre vite.

Infatti voi vi sareste chiesti: ma cosa c’entra il gelato con i sacchetti di plastica?  Con l’ambiente, con i rifiuti, con il riciclo? Con le nostre abitudini, con la nostra alimentazione, con i nostri sprechi, con la nostra cultura, con i nostri problemi sociali? Cosa c’entra il gelato con industrializzazione e tecnologie di massa? Cosa c’entra il gelato con i nostri riti, le nostre abitudini, le nostre scelte, I nostri stili di vita che quotidianamente scolpiscono spazi sempre più’ globali, creando nuovi paesaggi estetici e contenutistici? E’ in questo frangente che il gelato si presta a metafora visiva di un iceberg che si sfacela al contatto dell’uomo, il quale ha reso entrambi vittime dei suoi stessi artifici.

Se ti piace il gelato, allora sarai sicuramente sensibile all’arte che vuole dialogare sui temi sociali, sarai interessato ai temi dell’ambiente, vorrai sapere storia e provenienza degli ingredienti che mangi e magari vorrai interagire con essi, anche se solo mangiando un gelato in maniera consapevole, usando tutti i “sensi” e ispirandoli a trovare nuove interconnessioni e significati.

Da un palato all’altro, il gelato si e’ adeguato, o forse invece ha dovuto lottare, con tempi e culture, mode ed economie svariate. E’ una nostra responsabilità continuare a tramandare modelli dai sapori sani ed usanze che abituano a scelte etiche all’insegna dei valori ambientali che dovrebbero essere in armonia con la natura dei nostri corpi e dei mondi che ci circondano.

Questa iniziativa, frutto dell’amore per il gelato e per l’arte, si ispira al benessere corporale e culturale, e alla voglia di creare situazioni dove arti diverse si mescolano, distinguendosi armoniosamente in mille gusti diversi.

Per concludere il gelato e’ il mio dolce preferito in assoluto, ma non quello industriale, bensì, e solamente, quello artigianale che connette natura, cultura ed umanità.

Una scultura, il cono gelato, che da un fragile piedistallo fatto di cialda, si erge come un’opera astratta, malleabile soffice e cremosa, dolce e profumata, punto d’incontro di sapori, colori e forme che si sciolgono su insaziabili papille. E’ una scultura effimera che si plasma in mille sagome sino a morire, scalfita da carezze e colpi di lingua. Alla merce’ vischiosa di una alchemica saliva, essa scivola via in canali misteriosi dove per magia metabolica rinasce in linfa. Romantico, ma pratico, nel cono gelato non c’e’ spazio per frivolezze, non ci sono sprechi, ne di plastiche o di carte che sia, si mangia tutto, ma sopratutto non si butta via niente. Lunga vita all’arte dell’ecologia!

Bibliografia:

http://www.gelateriarefrescos.com/index.php?option=com_content&view=article&id=104&Itemid=120&limitstart=4

flyer Gelato Italian final-page-001

MInestrone Ligure Acquerelli di Pierangela Fierro Trincheri

MINESTRONE LIGURE

Mostra di Pierangela Fierro Trincheri

Dolcedo

Squisiti i dipinti di Pierangela Fierro Trincheri. Fanno venire l’acquolina solo a vederli! Aglio, cipolle, zucche di tutte le varietà’, zucchini e trombette, pomodori, fagioli e carciofi. Tutti ortaggi semplici, locali ma prelibati, tradizionalmente utilizzati per tante deliziose ricette, oltre che per fare il tradizionale minestrone alla ligure, gustoso e genuino come gli acquerelli di Pierangela.

Frutta e verdure tipicamente impiegati in cucina che Pierangela adopera anche come fonte di ispirazione rappresentata con la semplicità’ che cela la maestria di un’ artista che cucina con sostanze e colori che deliziosamente si sciolgono sul palato, oltre che su carta. Qui l’acqua succosa si mescola e si fonde con la gomma arabica trasformandosi in forme magiche: quelle della natura.  I prodotti della terra e dell’orto sono esaltati dall’alchimia della creazione, quasi scientifica, ma si tratta di una scienza organica e saporita  e sopratutto ricca di proprietà’ nutrizionali poetiche.

This slideshow requires JavaScript.

Leggiadre memorie di sapori e odori, ricette e tradizioni,  abitudini e ricordi, usanze e detti antichi locali, scritti a mano ed anch’essi assorbiti dalla carta, timidamente esaltano i loro frutti accompagnandoli — insieme gloriosamente umili.

La poesia dei cachi e dei melograni si concentra in dolcissimi sapori autunnali che colorano l’illusione pittorica. Questa, man mano più’ sottile ma vera, e’ delicatamente integrata da foglie essiccate che si mimetizzano in composizioni botaniche. Esse non voglio trarre in inganno, ne creare competizione materica fra il vero e l’arte, ma forse insinuare una riflessione sul rapporto fra natura e cultura. Le opere di Pierangela come l’essenza del vero quotidiano, si riscattano nella necessita’ e si risolvono nell’azione del dare e del fare e nel coltivare la praticità’ della vita e della sopravvivenza. Ortaggi, frutta e verdure hanno una funzione sociale. Ma non solo quella culinaria gastronomica o artistica che sia, ma anche quella civica e politica di responsabilizzazione di una civiltà’ globalizzata, in cui, noi cittadini del mondo, quotidianamente viviamo ed agiamo.

I frutti artistici di Pierangela rivengono — indicativo presente del verbo rivenire, per restare in tema culinario, cioè’ mettere a bagno in acqua un alimento secco (frutta o verdura) per ridargli la perduta umidità e morbidezza —  la nostra, ahimè, un po’ essiccata coscienza sociale. Le opere di Pierangela discretamente sussurrano, ma anche con determinazione affrontano, temi di etica industriale, agricola, commerciale geopolitica. Il fine ultimo della mostra, oltre che ad allettare gli organi sensoriali, e’ quello di esercitare e sviluppare un maggiore senso umanitario, aiutando. Il ricavato della vendita delle opere verra’ infatti investito nel sostegno per gli studi di ragazzi meno abbienti in Uganda, cosi’ instaurando uno scambio di rapporti comunitari che si legano nella loro naturale interconnessione cosmica.

“Ognuno di loro con la sua storia e i suoi sacrifici, ma per tutti tanti piccoli sogni e speranze. Il progetto comunque continua con Keneth: dopo averlo portato fino alla laurea lo stiamo supportando nell’avvio di un suo progetto, che coinvolge tanti giovani agricoltori.” “Vedere che per tutti si è realizzato un futuro migliore rende il cuore pieno di gioia: dopo tanti anni questi ragazzi si sentono liberi e responsabili della loro vita, anche nell’umiltà delle loro limitate possibilità economiche. La gioia che condividiamo con Don Kenneth che è stato il motore di questo progetto (…”ogni ragazzo che studia è una scintilla di speranza per un futuro migliore, un mondo migliore…”), vogliamo che sia egualmente condivisa con Voi, che, attraverso l’acquisto di un acquerello di Pierangela o in altre svariate forme, avete reso possibile la realizzazione dei loro sogni.”

Insomma, arte e natura negli acquerelli di Pierangela si intrecciano all’umanità’ e allo spirito di solidarietà’ arricchendosi ed arricchendoci di tante sostanze nutrienti vitali.

Grazie Pierangela.