Dance, trees dance

Advertisements

Martha Medeiros – lentamente muore

A Morte Devagar
(M. Medeiros)
 

Lentamente muore chi diventa schiavo dell’abitudine,
ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi,
chi non cambia la marca o colore dei vestiti,
chi non rischia,
chi non parla a chi non conosce.
Lentamente muore chi evita una passione,
chi vuole solo nero su bianco e i puntini sulle i
piuttosto che un insieme di emozioni;
emozioni che fanno brillare gli occhi,
quelle che fanno di uno sbaglio un sorriso,
quelle che fanno battere il cuore
davanti agli errori ed ai sentimenti!
Lentamente muore chi non capovolge il tavolo,
chi è infelice sul lavoro,
chi non rischia la certezza per l’incertezza,
chi rinuncia ad inseguire un sogno,
chi non si permette almeno una volta di fuggire ai consigli sensati.
Lentamente muore chi non viaggia,
chi non legge,
chi non ascolta musica,
chi non trova grazia e pace in sè stesso.
Lentamente muore chi distrugge l’amor proprio,
chi non si lascia aiutare,
chi passa i giorni a lamentarsi della propria sfortuna.
Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo,
chi non fa domande sugli argomenti che non conosce,
chi non risponde quando gli si chiede qualcosa che conosce.
Evitiamo la morte a piccole dosi,
ricordando sempre che essere vivo richiede uno sforzo di
gran lunga
maggiore
del semplice fatto di respirare!
Soltanto l’ardente pazienza porterà al raggiungimento di
una splendida
felicità

To those body hair became a problem

Recent studies indicate that more than 99 percent of American women voluntarily remove hair, and more than 85 percent do so regularly, even daily. This habit appears to transcend ethnic, racial, and regional boundaries.

Hairy women are rated as less sexually attractive, intelligent, sociable, happy, and positive than visibly hairless women. Not only that, women who resist shaving their legs are generally judged as dirty or gross: hair is dirty!

Over the course of a lifetime American women who shave will spend, on average, more than ten thousand dollars and nearly two entire months of their lives simply managing unwanted hair. The woman who waxes once or twice a month will spend more than twenty-three thousand dollars over the course of her lifetime.

Although generally ignored by social surveying, transsexual, transgender, and genderqueer people also express concern with hair management, and employ varying techniques of hair removal.

Dominant culture’s general aversion to visible hair is simply another form of gendered social control!

The overall effect of the hairlessness norm is to produce feelings of inadequacy and vulnerability, the sense that women’s bodies are problematic the way they naturally are.

Practices of hair removal, in turn, produce pre-pubescent-like, highly sexualized bodies, which ultimately contribute to the increasing objectification of young girls.

From “Plucked: A History of Hair Removal” by Rebecca M. Herzig.

QUANDO LA NATURA DIVENTA ARTE – Bellissimi – 2017

Non so cosa ne pensi, ma questo lo dedico a te (vessels)

33 Mongolfiere appese da mollette sui rami dei Bellissimi in occasione della mostra organizzata da: Gli Amici di Bellissimi (Associazione culturale U Caso Nostru) a cura di Guido Gulino).

(http://www.amicidibellissimi.org/)

Quando ti muovi mi muovo, quando voli tu volo anch'io: insieme

This slideshow requires JavaScript.

NON SO COSA NE PENSI, MA QUESTO LO DEDICO A TE: (VESSELS)

binari cosmo       natura, cultura    contenitore, vaso recipiente, corpo, mente

cesto, sacchetto, rete

mondo.

terra cielo      donna uomo  carta plastica      oggetto soggetto                            urbano rurale

nord sud       vecchia nuova

bianca nera buona cattiva  religiosa pagana

                           dentro fuori

spirito carne

                              celestiale terrena pura contaminata    ordine chaos                    liberta’ prigionia

       nuda vestita

luna sole

      dolce amaro  acqua sete

giustizia ingiustizia      aria ossido di carbonio          rumore silenzio

                           Divisa unita

fluido solido amore odio movimento staticita’

passato futuro forma sostanza

oppressi oppressori

forte fragile

vita morte

tutto niente

alla nonna alla mamma, alla figlia, a me, alla terra.

SIGNORE SIGNORA

(Mongolfiera, creata dallo sciogliersi dei dualismi, ove opposti si riuniscono per dare vita alla loro naturale potenzialita’, insomma riacchiappare la loro liberta’ cosmica.)